E’ valida la multa anche in assenza di sottoscrizione


Nel caso di contestazione non immediata della infrazione, ai sensi dell’art. 385, terzo comma, del d.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 – regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada – il verbale redatto dall’organo accertatore rimane agli atti dell’ufficio o comando, mentre ai soggetti ai quali devono essere notificati gli estremi viene inviato uno degli originali o copia autenticata a cura del responsabile dello stesso ufficio o comando, e che, allorquando il verbale sia stato redatto con sistema meccanizzato o di elaborazione dati, esso viene notificato con il modulo prestampato recante la intestazione dell’ufficio o comando predetti.

Pertanto, il modulo prestampato notificato al trasgressore, pur recando unicamente l’intestazione dell’ufficio o comando cui appartiene il verbalizzante, è parificato per legge in tutto e per tutto al secondo originale o alla copia autenticata del verbale ed è, al pari di questi, assistito da fede privilegiata, con la conseguenza che le sue risultanze possono essere contestate solo mediante la proposizione della querela di falso (Cass. 20117/2006; 1226/05 ed altre).

D’altra parte, i dati estrinsecati nello stesso contesto del documento consentono di accertare, anche in assenza di sottoscrizione dell’atto, la sicura attribuibilità dello stesso a chi deve esserne l’autore secondo le disposizioni che regolano la materia.

In realtà, la funzione del verbale notificato al contravventore ha la funzione di portare a conoscenza del medesimo gli estremi della violazione: la validità della contestazione, quale che sia la forma usata, è condizionata unicamente dalla sua idoneità a garantire l’esercizio di detto diritto, al quale è preordinata, e solo la accertata inidoneità può essere causa di nullità del verbale e della successiva ordinanza-ingiunzione (Cass. 21007/2004).

Sulla base di questi rilievi la Corte di Cassazione (sent. n.22088/07) ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto valido un verbale di contravvenzione per violazione del codice della strada nonostante la mancanza di sottoscrizione autografa del verbalizzante.

Articoli correlati:

  1. Valida la contrevvenzione senza importo
  2. Pagamento della multa in misura ridotta e preclusione del ricorso
  3. Autovelox e assenza di contestazione immediata
  4. Autovelox non segnalato: la multa è nulla
  5. Opposizione ad ordinanza ingiunzione e lettura del dispositivo in udienza

/body